determina proroga tecnica

Proroga tecnica ai sensi dell’art. 120, comma 11, del Codice dei Contratti di cui al d.lgs. 36/2023

Richiamati:

il decreto sindacale ____ di nomina del sottoscritto a ____;

la deliberazione di Consiglio Comunale _____, esecutiva ai sensi di legge, a mezzo della quale è stato approvato il Documento Unico di Programmazione (DUP) per il periodo ___;

la deliberazione del Consiglio comunale n. __________, esecutiva ai sensi di legge, con la quale è stato approvato il Bilancio di Previsione ____ ed i relativi allegati;

la deliberazione di Giunta Comunale ____, esecutiva ai sensi di legge, a mezzo della quale è stato approvato il Piano Esecutivo di Gestione per il periodo ____ nonché assegnate le risorse per il conseguimento degli stessi;

Visti:

lo Statuto Comunale;

il vigente Regolamento di contabilità;

il vigente Regolamento per l’organizzazione degli uffici e dei servizi;

l’art.107 commi da 1 a 6 del decreto legislativo 18 agosto 2000, n. 267, “Testo unico delle leggi sull’ordinamento degli enti locali”;

l’art.147-bis del D. Lgs. n. 267/2000 che dispone in materia di controlli di regolarità amministrativa e contabile negli enti locali;

l’art.183 del D. Lgs. n. 267/2000 che dispone in materia di impegni di spesa da parte degli enti locali;

l’art.191 del D. Lgs. n. 267/2000 che dispone in materia di regole per l’assunzione di impegni di spesa e per l’effettuazione di spese da parte degli enti locali;

Considerato che:

con determinazione _____ si è provveduto all’affidamento del servizio di cui all’oggetto;

che con ____ veniva indetta nuova procedura di affidamento per il medesimo servizio;

Preso atto che non risulta oggettivamente possibile, se non previa esperimento di una nuova procedura, giungere all’aggiudicazione del servizio de quo entro il termine di scadenza dell’attuale rapporto contrattuale (____);

Richiamato il D.Lgs n. 36/2023 e in particolare l’art. 120 c. 11, che consente la prosecuzione del rapporto contrattuale “in casi eccezionali nei quali risultino oggettivi e insuperabili ritardi nella conclusione della procedura di affidamento del contratto, è consentito, per il tempo strettamente necessario alla conclusione della procedura, prorogare il contratto con l’appaltatore uscente qualora l’interruzione delle prestazioni possa determinare situazioni di pericolo per persone, animali, cose, oppure per l’igiene pubblica, oppure nei casi in cui l’interruzione della prestazione dedotta nella gara determinerebbe un grave danno all’interesse pubblico che è destinata a soddisfare”;

Rilevato che il servizio in parola è di pubblico interesse e, per la sua particolarità e delicatezza, deve essere garantito senza soluzione di continuità;

Rilevata pertanto l’esigenza che il servizio non sia sospeso, per evitare un grave pregiudizio per l’Ente e considerato che il vigente quadro normativo consente l’affidamento diretto di un servizio nella misura strettamente necessaria, nel caso di contratti scaduti, nelle more di svolgimento delle ordinarie procedure di scelta del contraente;

Dato atto:

che in data ____, con propria nota prot. n. ___, è stata richiesta la disponibilità dell’attuale operatore economico allo svolgimento del servizio in regime di proroga tecnica per il periodo ___;

che l’operatore, con propria nota ___, registrata al prot. ____, ha manifestato la propria disponibilità in tal senso, alle stesse condizioni attualmente vigenti;

Ritenuto pertanto, nelle more della conclusione della nuova procedura di affidamento, di avvalersi della facoltà di esercizio di proroga del servizio in parola fino al ___, agli stessi patti e condizioni previsti per il periodo di normale durata del contratto;

Rilevato che non è prevista la richiesta di un nuovo codice CIG trattandosi di proroga tecnica contrattuale prevista negli atti dell’originario affidamento;

Ritenuto inoltre di costituire l’impegno di spesa relativo al periodo di proroga contrattuale nella misura indicata nel dispositivo del presente atto;

Accertato, ai sensi dell’art. 9 del D.L. n. 78/2009, convertito in Legge n. 102/2009, la compatibilità dei pagamenti derivanti dall’assunzione del presente impegno di spesa con lo stanziamento di bilancio e con le regole di finanza pubblica;

Valutato positivamente il presente provvedimento, sotto il profilo della regolarità e della correttezza dell’azione amministrativa, ai sensi dell’art. 147-bis, c. 1 del TUEL 18.08.2000 n. 267 e dell’art. 7 del vigente Regolamento comunale sul sistema dei controlli;

Attestato che il sottoscritto non versa in situazione di conflitto d’interesse alcuno in relazione alla procedura di che trattasi, ai sensi dell’art. 6 bis della legge n. 241/90 e s.m. e i., dell’art. 7 del d.p.r. n. 62/2013, nonché dell’art. 42 del D.lgs. n. 50/2016;

 DETERMINA

1-DI DICHIARARE quanto in premessa parte integrante e sostanziale del presente atto;

2-DI PROROGARE, ai sensi dell’art. 120, comma 11, del d.lgs. 36/2023, il servizio di cui all’oggetto in favore dell’operatore _____, con sede in ____, alla via _____ (P.IVA _____), fino al ____;

3-DI IMPEGNARE allo scopo, in favore del suddetto operatore, la somma complessiva presunta di € _____ + I.V.A. al _____%, per un totale di € ________, I.V.A. compresa;

4-DI IMPEGNARE  sul bilancio di previsione ____ – annualità 20__ – ai sensi dell’articolo 183 del D. Lgs. n. 267/2000 e del principio contabile applicato all. 4/2 al D. Lgs. n.118/2011, per le motivazioni e le finalità di cui alle premesse, le suddette somme corrispondenti ad obbligazioni giuridicamente perfezionate, con imputazione agli esercizi in cui le stesse sono esigibili, a favore del creditore come sopra indicato, alla seguente codifica: _____________; 

5-DI DARE ATTO che l’affidatario è tenuto ad assolvere tutti gli obblighi previsti dall’art. 3 della legge n.136/2010 e s.m.i. al fine di assicurare la tracciabilità dei movimenti finanziari relativi all’appalto, precisando che il mancato utilizzo del bonifico bancario o postale ovvero degli altri strumenti idonei a consentire la piena tracciabilità delle operazioni finanziarie relative al presente appalto costituisce, ai sensi dell’art. 3, comma 9-bis della legge n.136/2010, causa di risoluzione del rapporto contrattuale;

6-DI DARE ATTO che, ai sensi dell’art. 183 comma 8 del D. Lgs. n.267/2000, il sottoscritto ha accertato preventivamente che il programma dei conseguenti pagamenti relativi all’impegno di spesa che si assume con il presente atto è compatibile con i relativi stanziamenti di cassa e con le regole di finanza pubblica in materia di pareggio di bilancio come, per altro, accertato con la sottoscrizione del presente atto da parte del Responsabile dell’Area contabile ai sensi e per gli effetti dell’art. 183 comma 7 e dell’art. 147-bis del decreto legislativo 18 agosto 2000, n. 267;

7- DI TRASMETTERE il presente provvedimento all’operatore economico succitato;

8- DI DARE ATTO che il presente provvedimento rileva ai fini della pubblicazione nella sezione “Amministrazione Trasparente”, ai sensi di quanto disposto dal d.lgs. 33/2013. 

Follow us on Social Media